16 April 2024

Modica, ha preso a pugni una donna costringendola a subire violenza Modica

2 min read

 Modica – Nella giornata del 29 luglio, a Modica, personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza ha tratto in arresto un uomo in esecuzione dell’Ordinanza che ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Ragusa, per violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali.

En parallèle : PASAR GLOBAL – Reli yang dipimpin oleh Nvidia terhenti karena investor mengincar Jackson Hole

Si tratta di un cittadino straniero di 34 anni, ritenuto responsabile dei reati di violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni nei confronti di una giovane modicana di 22 anni con la quale aveva intrattenuto una relazione sentimentale extraconiugale per circa due anni, successivamente interrottasi per volere della donna a causa del carattere violento dell’uomo.

<!–

A voir aussi : Ciclone Circe, temperature giù di 10 gradi

–>
<!–

–>

Lo straniero non aveva accettato la fine del loro rapporto ed in una circostanza, verificatasi lo scorso mese maggio, aveva inseguito la giovane costringendola a salire sulla sua macchina e raggiunta una zona isolata, aveva iniziato a picchiarla colpendola più volte a pugni, costringendola anche ad avere rapporti sessuali.

A seguito della complessa attività d’indagine ed agli elementi probatori acquisiti dai poliziotti, l’uomo è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria con richiesta di adozione di una misura cautelare finalizzata anche ad evitare che potesse ripetere tale condotta nei confronti della donna. In accoglimento della richiesta avanzata dal Pubblico Ministero, il Giudice del Tribunale di Ragusa, valutando la gravità dei fatti imputabili all’uomo, ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere. Pertanto lo straniero è stato tratto in arresto dalla Polizia di Modica e dopo le formalità di rito tradotto presso la Casa Circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

window.fbAsyncInit = function() {
FB.init({
appId : ‘1598562950632658’,
fb:pages : ‘184294524916160’,
xfbml : true,
version : ‘v2.3’
});
};

(function(d, s, id){
var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
if (d.getElementById(id)) {return;}
js = d.createElement(s); js.id = id;
js.src = “https://connect.facebook.net/en_US/sdk.js”;
fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);
}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

(function(d, s, id) {
var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
if (d.getElementById(id)) return;
js = d.createElement(s); js.id = id;
js.src = “https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”;
fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);
}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

(function(d, s, id) {
var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];
if (d.getElementById(id)) return;
js = d.createElement(s); js.id = id;
js.src = “https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”;
fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);
}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));